07 gennaio 2015

Come riconoscere la creativa D.O.C. in 5 riflessioni



Ben ritrovate e buon inizio anno! Vi siete riposate? io tantissimo.
Ho fatto delle vacanze magnifiche molto casalinghe complice la neve venuta giù a fine anno ho trascorso un periodo davvero rigenerante.

E' da un pò che ci pensavo e dopo averne visto di ogni tipo ho deciso di iniziare questo nuovo anno trattando un argomento che mi frullava in testa già da un pò cioè cercare di tracciare il profilo della creativa di qualità o meglio ancora la creativa D.O.C.!

Garten Zauber

Ci sono cose che sono oggettivamente belle ma non è detto che ci piacciano perchè non ci procurano un'emozione quindi io credo che
"La differenza tra ciò che è bello e ciò che piace è l'emozione l'attraversa".

Su questo punto credo che non ci sono vie d'uscita cioè se una cosa piace o non piace non si può molto discutere quello che invece è molto discutibile e l'atteggiamento, comportamento o etica professionale che vorrei trattare oggi.

Garten Zauber

A mio modesto parere diventare creative si può, c'è chi nasce con questa passione e chi la scopre nel tempo. Non credo che ci sia una tipologia più avvantaggiata dell' altra perchè quello che può fare la differenza è l'etica professionale che ognuno mette e che ne traccia la differenza.

Proverò in questo post a delineare un profilo indicando alcuni punti per i quali a mio modesto e semplice parere, quindi non sono una legge ma solo un parere,
per identificare una creativa che svolge la sua attività con etica professionale.

Essendo in questo mondo da qualche anno ed avendo osservato e subito a lungo alcuni atteggiamenti e bassezze vorrei fornirò attraverso la mia piccola esperienza qualche semplice punto di riflessione e perchè no dei punti di riferimento per chi si accosta a questo mondo e spesso si trova disorientata da certi comportamenti.

Nelly Vintage Home
Come riconoscere una creativa D.O.C.
in 5 riflessioni

1. La creativa D.O.C. cita la fonte d'ispirazione sempre e comunque.
Se una creativa ama e crede in quello che fa per prima cosa si riconosce dal fatto che cita le sue fonti d'ispirazione. Una vera creativa ama quello che fa e in quanto tale ha rispetto e riconoscenza per il lavoro altrui.
Tutto è fonte d'ispirazione ma quello che ormai si sta dimenticando o si fa finta di non ricordare è che citare la fonte della nostra ispirazione non è un danno o sminuire quello che facciamo ma è una forma di riconoscenza e gratitudine che non può che renderci a nostra volta migliori e rafforzare la consapevolezza che anche se abbiamo preso ispirazione e siamo partiti da un progetto già realizzato noi abbiamo apportato il nostro tocco creativo o semplicemente abbiamo voluto metterci alla prova.

Nelly Vintage Home

2. Non fa drammi pubblici sul web per avere più visibilità
Ancor più spesso accade che le pseudo creative che hanno preso ispirazione o che hanno chiesto informazioni specifiche alle persone da cui hanno attinto informazioni quando poi vengono emulate a loro volta sono le prime ad irritarsi e fare baccano sul web rivendicando diritti assurdi.
Ho visto persone piantare delle scenate per rivendicare l'autenticità di aver realizzato un video ma il contenuto del video non aveva niente di originale......
Io stessa ho avuto modo di dare informazioni in privato a persone che non si sono sognate minimamente di citarmi e che poi sono state le prime a scandalizzarsi e a gridare l'originalità di qualcosa che avevano attinto da altri a loro volta.

Nelly Vintage Home


3. Non usa le amicizie sul web per avere visibilità 
e non crea lobby e gruppi in nome della condivisione che poi sono piccoli feudi con tanto di imperatrice, cortigiane, plebe e schiavi (per fortuna quest'ultimo caso non è molto frequnte).
In alcuni casi si riempiono le pagine di facebook (in particolare) con parole come: condivisione, amicizia, cuoricini, bacini e baciotti ma poi come entri nel dettaglio quello che a queste persone interessa è solo la loro personale visibilità. Hanno una grande abilità a stringere amicizie con persone che hanno un certo seguito e poi
quando hanno  esaurito tutta la visibilità possibile da quel profilo, spesso usano anche le loro amicizie (a me è capitato che non avevano nemmeno profilo fb e che dopo aver fatto la spesa con le mie amicizie) magicamente migrano e ti denigrano vantando l'amicizia su profili con un seguito guarda caso sempre maggiore dove ritengono di avere più visibilità.


Nelly Vintage Home

4. La creativa D.O.C. è libera e va per la sua strada perchè ama farsi guidare solo dalla sua passione. 

Cat-arzyna


5. La creativa D.O.C. ha un blog.
Se non ce l'ha ne conosce l'importanza e prima o poi lo realizza. 
Il blog è il laboratorio della creativa, visibile a tutti, dove rimane traccia della sua storia, dei suoi lavori, delle sue esperienze, delle sue fonti d'ispirazione, delle persone che stima e dove spesso spiega come realizza i suoi lavori in dettaglio con foto chiare ed esplicative.

Cat-arzyna
Questi riferimenti e queste riflessioni sono dettate dalla mia esperienza personale.
Mi piacerebbe conoscere la vostra esperienza e se voi avete riscontrato altre caratteristiche che possono contribuire a realizzare un elenco più completo sarei felice

Buon 2015 a tutti



19 commenti:

  1. Molto realistica questa tua analisi...complimenti! ;)
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Silvia, gran bel post! Sono d'accordo su tutti i punti. Aggiungerei anche che la creativa d.o.c. non compra i followers (ho giusto trovato ieri un articolo che parlava di questa pratica discutibile)
    Ti segnalo che la tua sidebar "vibra"...non so se è un mio problema...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ciao Silvia,
    inutile dire che mi trovi d'accordo su tutti i punti, non ultimo su quanto aggiunto da Cinzia. La cosa che più condivido in assoluto e quella del blog: è molto più facile e sicuramente meno impegnativo avere una pagina FB dove basta pubblicare foto e 2 righe sterili di commento. Altra storia e "curare" un blog, dove per curare intendo interagire più direttamente con chi ti segue, raccontare di te e di parte della tua vita, spiegare cosa fai e perchè lo fai, provare. Insomma il blog richiede tempo, passione, impegno e anche se negli ultimi tempi molte lo snobbano per me è e rimane casa mia e come tale continuerò ad averne cura!
    Ti abbraccio
    Alessandra

    RispondiElimina
  4. Ciao mi chiamo Anna, è la prima volta che "passo" da qua ,ho trovato il tuo post molto interessante e condivisibile!
    Io mi sono "allontanata" per un certo periodo ed ho messo da parte i miei "lavori" e ho trascurato il mio blog!!
    Grande errore! Potrei aggiungere al tuo elenco solo una considerazione...se sei una creativa DOC puoi "allontanarti" ma poi è più forte di te e... torni "a casa"!
    a presto
    AnnaBRossi

    RispondiElimina
  5. Sentirsi libere di andare dove la passione ci vuole guidare è la chiave di tutto.. perchè tu hai una tua linea di creatività.. non occorre troppo guardarsi in giro, anzi qualche volta ti senti fuori luogo, non convenzionale.
    Questo ti permettere di essere rispettosa del tuo lavoro e di conseguenza di quello altrui.
    Certo, come tutte le cose, questa è la via più lunga, dove il tuo rumore è impercettibile, e fai la differenza rispetto a chi si pone in modo insolente; però c'è una componente fondamentale che passa anche attraverso l'immagine è quella è l'emozione che racconta il tuo pensiero e comunica chiaramente il tuo messaggio... l'amore per la creatività e la gioia che tu metti nella realizzazione di quel manufatto,è la differenza che ti ripaga, il cliente finale lo capisce e tu non puoi fare altro che esserne riconoscente e ringraziare con altrettanto rispetto.
    Rosa... emozioni non solo di carta!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Silvia, prima di tutto buon anno....ho letto con attenzione il tuo post e mi trovi d'accordo su tutto, io sono una persona trasparente non sono capace di prendermi il merito di cose che non ho fatto e specifico sempre se l'idea è mia oppure ho preso spunto da altre fonti o blog anche se cerco sempre di essere originale...spero e mi auguro che i tutorial che ho pubblicato qualcuna di voi li abbia fatti e che siano venuti bene e se mi citano come fonte ne sarei contenta e onorata...cerco di essere sempre fedele a me stessa ma non sempre l'onestà paga!!!!....grazie per la tua visione critica e giustissima e mi auguro che venga apprezzata da tutte...buona giornata...kiss!
    Serena

    RispondiElimina
  7. Ciao Silvia
    d'accordo con tutto ma aggiungerei (per esperienza personale che ancora brucia) tra le parole del punto 3 SOLIDARIETA' FEMMINILE E SALVAGUARDIAMO LA TERRRITORIALITA' !!!
    Parole troppo spesso abusate.
    Rimango convinta che sono poi i fatti che parlano non le PAROLE !!!!!!!!!!!
    Ciao Teresa

    RispondiElimina
  8. io non so se mi definisco una creativa, non ho come sai una pagina fb, ma ho il mio blog
    la mia casa virtuale è un truciolo, adoro il mio blog
    non ho mai cercato notorietà, i miei lavori nascono dalla mia mente, non copio e spesso parlo della mia vita e non solo del mio lavoro
    sono 23 anni che lavoro come artigiana ma nel mio lavoro ci metto la professionalità
    nel mio blog ci metto il cuore e la passione
    buon anno Valeria

    RispondiElimina
  9. Cara Silvia ho apprezzato molto questo post , lo trovo molto chiaro,non lascia a fraintendimenti, dubbi etc.......mi piace quando dici che la creativa prende ispirazione da altri , sì perchè i creativi , quelli veri , cioè quelli che creano dal nulla le proprie idee sono pochissimi!! Questo non denigra i creativi in generale, non c'è nulla di male a prendere ispirazione da qualcosa o da qualcuno, il punto è, a mio avviso, che troppe persone sul web , su fb anche su instagram , gridano allo scandalo se qualcuno fa qualcosa di simile o che vagamente gli assomigli, è vero citare la fonte è segno di serietà e di rispetto.....ma dobbiamo anche ricordarci che tutti copiamo tutto e che anche noi ad esempio che amiamo lo shabby, non abbiamo fatto altro che copiare dagli anglosassoni che già da 20 anni si interessano di ciò!! La mia non è una critica, anzi, solo un'osservazione un pò intristita da quello che in questi mesi ho letto su fb e che mi sono ben guardata dal commentare, odio le liti , sul web poi......
    detto questo cara Silvia prendo spunto dal tuo post e spero di riprendere le mie attività da pseudocreativa.....
    Un abbraccio e comlplimenti per le foto, bellissime!!
    A presto
    Piera

    RispondiElimina
  10. Mi trovi d'accordo su tutti i punti anche se sarei un pò critica su alcune cose scritte nei commenti....io credo che onestà e umiltà devono essere alla base di tutto! Io sono sempre andata per la mia strada anche se mi accorgo di tutto quello che accade intorno a me! Ma non mi sento meno creativa se prendo spunto perchè, come dice Piera nel commento precedente, siamo sincere, quasi tutto è stato fatto! E noi possiamo metterci qualcosa di nostro, citando le fonti sempre!! Ma la strada è stata già tracciata!
    Un abbraccio!!
    Gio

    RispondiElimina
  11. Ciao Silvia , e tanti auguri ! Ho letto il post e i commenti di tante amiche del blog e dei social, non ci sono dubbi, l'onestà è alla base , ma poi , è facile farsi trasportare e lusingare . Ma la vera creativa si valuta in base ai followers , o alle statistiche ? Il coraggio di fare ciò che ci piace paga ? O è più facile seguire la moda ? Io non lo so , so che le liti non fanno per me e me ne tengo ben lontana , so che ammiro e invidio il saper fare delle altre , ma in modo costruttivo. Per questo ogni mia condivisione o citazione è sincera e senza secondi fini . Allo steso modo credo nel gruppo e nell'amicizia , nel sostenersi . Sono un illusa ? Probabilmente si . Grazie per la discussione aperta , passerò ancora di qui, per leggere gli altri commenti e sono sempre aperta a critiche e consigli !
    Un abbraccio
    Maddalena

    RispondiElimina
  12. Cara Silvia sono d'accordo su tutto e soprattutto sul fatto che una vera creativa non usa le amicizie sul web per avere visibilità. Ho avuto esperienze a proposito, tanti cuoricini e bacetti dalla signora del feudo perchè ha comunque bisogno delle sue cortigiane poi quando è chiaro che tu non ti sdrai a tappetino, o comunque hai una tua personalità, niente più bacetti e cuoricini e allora ti accorgi come l'onesta non va di moda. Beh, allora una vera creativa che bisogno ha di queste cose? Va dritta per la sua strada e impara dalle altre creative onestamente, citando la fonte, certo, ma anche confrontandosi per avere e dare consigli.
    Un abbraccio mia cara
    Sara

    RispondiElimina
  13. Ciao Silvia mi piace questo tuo articolo e ne condivido i contenuti. Vorrei però farti tanti complimenti per il tuo stile ... è davvero molto bello. Se un giorno dovessi rifare l'arredamento lo farei con questi colori così delicati e romantici.
    Un abbraccio Cristina

    RispondiElimina
  14. Ciao Silvia, leggo solo ora con calma il tuo post e non posso altro che darti ragione. Il blog per me è la mia storia, le mie passioni, la mia piccola finestra aperta sul grande mondo di internet, non ho tanti followers, ma chi mi segue è sincero: lo capisco dai commenti che ricevo ai miei post...pochi ma buoni! Di cuore soprattutto! Guai se non mettessi i link di riferimento: sarebbe proprio stupido e inutile! Sai ho organizzato in passato due giveaway ma, dopo aver riscontrato irriconoscenza da parte delle vincitrici e un commento di una persona che mi ha chiesto se una delle vincitrici, che ancora non mi aveva contattato, si fosse fatta viva, penso che ci penserò bene prima a chi regalare una mia creazione!!! Che dirti: si vede che c'è gente che ha tempo da perdere! Beh io ti ammiro e sono contenta di tutte le iniziative di cui ti occupi!
    Buon anno e buon lavoro
    Isabella

    RispondiElimina
  15. Mi è piaciuto molto questo post che condivido in pieno.... la creativa vera non segue la massa, ma crea e sperimenta cose nuove....è affascinata più dal "non visto" che da quello che si vede e rivede. Purtroppo in tante seguono a fasi alterne le mode del momento, giri e trovi centinaia di immagini e pagine, che propongono tutte la stessa identica cosa... Concordo sulla condivisione, ma ...ad onor del vero ci aggiungerei anche la categoria di quelle che non amano sbattersi a cercare link o informazioni utili, video piuttosto che materiali....ti contattano e nel giro di pochi minuti vogliono sapere le cose che tu hai impiegato mesi e anni per apprendere. Ci vorrebbe un giusto senso della misura credo....E infine, si è vero...la creativa vera ha un blog, una sorta di diario personale, ben distante da ciò che è il mordi e fuggi di Facebook. Per le regine e le cortigiane, stendo un velo pietoso, meglio che non metta a nudo i miei pensieri....;-) Idem per le scene melodrammatiche per essere state "copiate" ...manco avessero fatto la Primavera del Botticelli.....

    RispondiElimina
  16. Mi piacciono queste riflessioni....
    Personalmente sono lontana dall'essere una creativa doc. Le fonti sono una nota dolente... prima di facebook e del blog ho fatto tante ricerche prendendo ispirazione....oggi mi muovo diversamente , di solito cito se mi ispiro a qualcuna.
    Di bassezze ce ne sono un'infinita'... anche dalle "migliori".... purtroppo...
    Poi ognuna di noi penso che sa quanto veramente possa essere doc o meno ;-)

    RispondiElimina
  17. Cara carissima Silvia, scusa il ritardo, ma eccomi!
    Vorrei dire tante cose, ma preferisco tacere, tanto chi più chi meno ha parlato anche per me...
    Qual'è il mio punto migliore fra i tuoi cinque elencati?
    La N.4, sempre, comunque, contro corrente! Questa sono io, creativa per me stessa prima di tutto..il resto sarà storia semmai fosse da raccontare..
    Un abbraccio come sempre..e buona Creatività, con tutta la sincerità che serve è servirà sempre!

    RispondiElimina
  18. Ciao Silvia, è un pochino che non passo a trovarti e me ne scuso...chiedo scusa più a me stessa che a te, perché tu non ti sarai accorta della mia assenza, ma io ora che ritorno mi accorgo che è davvero troppo che non do uno sguardo al tuo splendido spazio. Torno con questo post che mi vede d'accordo su ogni singolo punto...non c'è niente di più bello della condivisione e dell'onestà, che poi tanto la furbizia (per chiamarla in un modo elegante) non paga e prima o poi son convinta che tutti i nodi vengano al pettine...e se ciò non dovesse accadere sono comunque sicura che l'essersi approfittati di qualcuno non ti fa godere di quello sprazzo di luce di cui ti sei impossessata con la malafede.
    Ho rinnovato il blog, ma ora che i "lavori" sono finiti tornerò a leggerti con regolarità.
    Un bacio cara e a presto.

    RispondiElimina

Sono tanto felice se passando di qui mi lascerete un vostro messaggio o un commento. Silvia

Follow this blog with bloglovin

Follow on Bloglovin

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...